Usa le linguette per muoverti velocemente tra gli uffici di Omnia!
Effettua una ricerca tra i contenuti di questo prodotto scrivendo le parole chiave e facendo clic su "Cerca".
Con la ricerca avanzata è possibile filtrare con precisione i contenuti di questa sezione.

Quesiti

10 risultati di 3606

Quesito del 10/06/2021

Tributi

Decreto Sostegni: esenzione prima rata IMU 2021

Il decreto legge n.41/2021 convertito in Legge n.69/2021. all'art. 6 -sexies prevede l'esenzione dal pagamento della prima rata IMU 2021 per i soggetti titolari di partita IVA, con riduzione dei ricavi tra il 2019 ed il 2020 e che vi sia coincidenza tra soggetto passivo d'imposta e gestore dell'attività.
Si chiede se nel caso di ditta individuale che esercita la propria attività in un immobile intestato alla persona fisica e non facente parte dei cespiti ammortizzabili possono usufruire dell'agevolazione.

Quesito del 10/06/2021

Demografici

Iscrizione anagrafica cittadino straniero

Una cittadina brasiliana sposata con un cittadino italiano vorrebbe richiedere la residenza presso il mio comune ove il marito è residente. Per la cittadina brasiliana si tratta della prima iscrizione anagrafica. Ha richiesto il permesso di soggiorno ed è in possesso: - della relativa ricevuta, - un accordo d'integrazione sottoscritto con lo sportello unico per l'immigrazione.
Non le è stato rilasciato nè il modello 209 del Ministero dell'Interno nè il nulla osta rilasciato dallo sportello unico per l'immigrazione.
In questo caso per poter richiedere la residenza è necessario attendere il rilascio del permesso di soggiorno?
Sapevo che in attesa del rilascio del permesso di soggiorno è possibile richiedere la residenza se in possesso di passaporto con visto d'ingresso, ricevuta, nulla osta rilasciato dallo sportello unico e modello 209.
In caso di cittadino straniero coniugato con un cittadino italiano vi sono indicazioni diverse?

Quesito del 10/06/2021

Tributi

Imu e importo minimo

L’importo minimo annuale IMU deliberato dal ns Comune è pari a € 12,00 dell’imposta complessiva. La proprietaria di una seconda casa nel ns Comune è deceduta nel mese di febbraio (no Testamento) pertanto il “possesso” della signora sviluppa una IMU di € 6,00 (per mesi 2). Al marito 1/3 di diritto e ai figli la restante parte. La quota di IMU dei singoli possessori (e della signora inferiore al minimo da pagare) vanno versate anche se non superano il minimo di € 12,00?

Quesito del 10/06/2021

Personale

Anticipo quota TFS per motivi di salute

Si chiede se per un dipendente pubblico attualmente in servizio in regime di TFS sia possibile chiedere un anticipo sulla quota di TFS per motivi di salute e nell'eventualità con quale modalità inoltrare tale richiesta.

Quesito del 10/06/2021

Affari generali Commercio Demografici Personale Polizia Ragioneria Tecnico LL. PP. Tributi

Uso della mascherina per il personale vaccinato

Volevo un chiarimento sull’uso della mascherina da parte degli impiegati comunali che si sono vaccinati, ed hanno concluso l’iter assumendo anche la seconda dose.
E’ possibile per questi impiegati non indossare la mascherina chirurgica in ufficio, se lavorano a contatto con altri colleghi? Può dipendere dalla distanza, ad esempio oltre due metri? O dal fatto che anche gli altri colleghi abbiano completato la seconda dose di vaccino? E durante l’orario di apertura al pubblico? Possono non indossarla o è necessario che ci sia la protezione di plexiglass tra il dipendente e il pubblico o che il pubblico stesso rimanga ad almeno due metri? Ci sono delle indicazioni in merito, o si va solamente a buon senso?

Quesito del 09/06/2021

Tributi

Rimborso IMU prescritta

Un contribuente nel dicembre 2020 fa istanza di rimborso dell'IMU anno 2014, versata in eccedenza. Una volta fatte le opportune verifiche, se risultasse una eccedenza , può il Comune rimborsare un'imposta prescritta?

Quesito del 07/06/2021

Tributi

Comodato gratuito ai fini IMU e TASI

SE IL PROPRIETARIO POSSIEDE OLTRE ALLA PROPRIA PRIMA ABITAZIONE E RALTIVE PERTINENZE, ALTRO IMMOBILE E RELATIVE PERTINENZA CONCESSE AL FIGLIO IN COMODATO D'USO GRATUITO ANCHE IMMOBILE CLASSIFICATO CAT. A11 IL DIRITTO ALLA RIDUZIONE AL 50% DECADE?

Quesito del 07/06/2021

Tributi

TARI mercati anno 2021

Dal 2021 la Tari dei mercati è confluita nello specifico canone patrimoniale riservato alle occupazioni degli ambulanti del mercato.
Considerato che detta categoria è stata esentata dal pagamento del canone per l’intera annualità 2021, è da considerare esentata anche la parte riguardante la TARI?
E’ possibile che l’importo della TARI mercati rientri, unitamente a quello del canone, nei contributi erogati dallo Stato per il mancato introito?
Qualora la tari mercati fosse stata ristorata dallo Stato al Comune, è possibile portarla in detrazione dai costi per la formazione delle tariffe TARI 2021?
Alla luce di quanto sopra esposto le categorie 16 (banchi di mercati beni durevoli) e 29 (banchi di mercato generi alimentari), vanno tolte dalla tabella 4 a del DPR 158/1999, nonostante nessuna normativa abbia abolito detta tabella?

Quesito del 03/06/2021

Personale

Applicabilità dell'art. 10 d.l. 44/2021 ai concorsi indetti a marzo ma pubblicati in G.U. ad aprile

Codesto Ente ha indetto diverse procedure concorsuali i cui bandi approvati con determinazione in data 24/03/2021 sono stati trasmessi in medesima data all’Istituto Poligrafico e Z.S per la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. La pubblicazione è stata disposta dall’Istituto Poligrafico per il giorno 20/04/2021. Le procedure concorsuali sono state strutturate nelle tre prove (due scritti e un orale). Nel corso di tale periodo di tempo è intervenuto l’art. 10 del d.l. 44/2021 il quale persegue l’obiettivo primario di riduzione i tempi di reclutamento del personale nelle p.a. .
Richiamata la nota Anci Prot. n. 36/VSG/SD/ AB “Semplificazione delle procedure concorsuali e superamento delle limitazioni alle prove in presenza” laddove è indicato che “secondo quanto espressamente previsto dal comma 1, dette modalità semplificate sono adottate “anche in deroga” alla disciplina del D.P.R 487/1994 e della L. n. 56/2019 che, dunque, possono ancora essere applicate – ove compatibili - a discrezione delle amministrazioni” e rilevato che la norma introduce una disciplina derogatoria ma non abrogatrice del DPR 487/1994 e della L. n. 56/2019, si chiede quale sia la procedura corretta che l’Ente debba adottare per non incorrere in un possibile contenzioso:
1. prendere atto del contenuto dell’art. 10 e procedere con l’adeguamento normativo del bando riducendo le prove da tre a due (in questo caso è necessaria una nuova pubblicazione in G.U.? I tempi di pubblicazione dei bandi di concorso nella G.U. sono particolarmente lunghi sicchè anche qualora l’Ente dovesse decidere per applicare le misure di semplificazione previste dal D.L. n. 44/2021, con conseguente riapprovazione dei bandi, questo implicherebbe un notevole spostamento nel tempo dello svolgimento delle procedure concorsuali);
2. lasciare inalterata la procedura concorsuale così come previsto dai bandi in virtù della natura derogatoria e non abrogatrice dell’art. 10 ed in considerazione del fatto che un adeguamento alla norma implicherebbe per assurdo, ed in palese contrasto con la ratio della norma, un rallentamento delle medesime dovuto: alla modifica dei bandi e della procedura di svolgimento dei concorsi, alla loro riapprovazione, alla trasmissione alla G.U. per la pubblicazione ed al conseguente periodo di tempo che deve trascorrere prima che si proceda alla materiale pubblicazione; inoltre l’Ente dovrebbe procedere con il contestuale avvio della procedura volta all’individuazione di un operatore economico che offra in termini congrui l’espletamento del servizio atto a consentire lo svolgimento delle prove con modalità informatiche e digitali, previa approvazione di apposita variazione al bilancio di previsione (trattasi di un dispendio di risorse di difficile reperibilità per un Ente di piccole dimensioni come il nostro con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti).

Quesito del 03/06/2021

Demografici

Cittadinanza jure sanguinis

Come era prevedibile stanno arrivando richieste di CITTADINANZA JURE SANGUINIS. Ad essere sincera non so neanche da dove, né come iniziare viste le numerose incombenze che abbiamo. Questa persona scrive: Sono S. G.
Richiederò la cittadinanza italiana per iuris sanguinis. Vorrei stabilire la residenza legale nel tuo comune. Ho tutta la documentazione richiesta in k 28. Tutto apostillato e tradotto. E poi,
fa tre domande specifiche:
• Posso presentare certificati di nascita e matrimonio più vecchi di 6 mesi?
• Sono richiesti certificati di morte per altri discendenti?
• Posso iniziare la mia cittadinanza e mentre aspetto la PEC dai consolati argentini, mia madre inizierà il processo come me e beneficerà della stessa PEC?
Potete darmi qualche suggerimento? Giusto per iniziare a capire? Come si fa a dare risposte ad una materia che non si conosce?