Usa le linguette per muoverti velocemente tra gli uffici di Omnia!
Effettua una ricerca all'interno di quest'area scrivendo le parole chiave nella casella e facendo clic su "Cerca".
Con la ricerca avanzata è possibile filtrare con precisione i contenuti di questa sezione.
Attraverso le funzioni scadenzario e adempimenti, puoi salvare nel tuo quaderno le scadenze precaricate.
Con la navigazione integrata puoi copiare contenuti da Omnia e salvarli nel tuo adempimento.

Quesiti

10 risultati di 405

Quesito del 16/01/2020

Autorizzazione subappalto

Il subappalto, qualora previsto in una procedura di gara, va sempre autorizzato o è sufficiente una presa d'atto?

Quesito del 10/01/2020

Appalto per gestione multe e noleggio autovelox: oneri da interferenza

Con la presente si richiede se in caso di una gara di appalto per l'esternalizzazione della gestione delle sanzioni cds (con personale dell'aggiudicataria in servizio presso il Comando) e per il noleggio di dispositivi fissi di controllo della velocità in remoto (quale prestazione secondaria), sia necessario prevedere gli oneri da interferenza e la modalità di calcolo.

Quesito del 18/12/2019

Notifica accertamento Tari con raccomandata con avviso di ricevimento

La notifica di un accertamento Tari per omesso pagamento è valida se effettuato con raccomandata con ricevuta di ritorno tramite poste italiane? Oppure è obbligatorio, per la validità della notifica, che lo stesso sia effettuato dal messo notificatore mediante "busta verde"?

Quesito del 13/12/2019

Soccorso istruttorio per sanare la omessa presentazione della garanzia provvisoria

Ai sensi dell'articolo 83 del d.lsg. n. 50/2016 è possibile attivare il soccorso istruttorio in caso di carenze di elementi formali della domanda.
La mancata consegna della garanzia provvisoria tra i documenti di gara da parte dell'impresa è sanabile con l'istituto del soccorso?

Quesito del 11/12/2019

Validità della firma autografa sui verbali della Giunta e del Consiglio comunale

Si chiede se nelle more dell'imminente attivazione del sistema di firma digitale per la sottoscrizione degli atti nel programma in uso per la gestione delle delibere di Giunta e Consiglio, ci siano norme che vietino di far sottoscrivere con firma originale i verbali di Giunta e Consiglio da parte di sindaco, segretario e addetti alla pubblicazione

Quesito del 09/12/2019

Integrazione al piano biennale acquisto beni e servizi

Questo Comune ha approvato in data 26 novembre 2019 il piano opere per il triennio 2020-2022 e il piano biennale acquisto beni e servizi 2020-2021. Per mera dimenticanza ha dimenticato di inserire nel piano biennale acquisto beni e servizi la previsione della procedura di gara per il servizio di mensa scolastica, indetta già nel 2019 ma andata deserta per mancanza di offerte. È possibile integrare il predetto piano approvando apposita delibera di integrazione?

Quesito del 06/12/2019

Contributi comunali a favore della scuola dell'infanzia

Si premette che questo Comune ha una convenzione in essere con la parrocchia che prevede quanto testualmente riportato di seguito:
"ART. 12 – CONTRIBUTO DEL COMUNE
I contributi che il Comune erogherà sono intesi come forma di riconoscimento ed utilità sociale sulle spese di gestione normale, relative al funzionamento della scuola dell’infanzia e possono essere cumulabili con altri finanziamenti, sia pubblici che privati.
Nel caso di un eventuale avanzo attivo di gestione, dovuto al ritardato introito di provvidenze regionali/statali/comunali inerenti la gestione di anni precedenti, e/o da erogazioni liberali, provvidenze da parte di enti, aziende e privati, il Consiglio di gestione della Scuola sarà tenuto a fornire apposita relazione a giustificazione, in occasione della redazione del rendiconto consuntivo e nella quale siano chiaramente indicati e riscontrabili tutti i fattori di provenienza della predetta tipologia di avanzo, i soggetti erogatori ed i tempi di erogazione; ovvero che risulti chiaramente che l’avanzo sia determinato, in quella misura, solo dai fattori tecnici sopra elencati.
In presenza di avanzo di gestione dovuto a fattori tecnici indicati al comma precedente il contributo non può essere ridotto.
La Scuola dovrà altresì, entro il 31 luglio di ogni anno, presentare copia del rendiconto economico consuntivo dell’anno solare precedente ed il preventivo per l’anno in corso. La presentazione di tale rendiconto economico consuntivo è obbligatoria.
Entro il 31 dicembre di ogni anno il Comune provvede alla quantificazione dell’ammontare complessivo del contributo, compatibilmente con le disponibilità di bilancio, sulla base del numero di bambini iscritti e frequentanti per l’anno scolastico di riferimento.
A tal fine la scuola dovrà preventivamente comunicare, entro il 30 settembre di ogni anno il numero di bambini iscritti per l’anno scolastico di riferimento (o in corso) e residenti nel Comune di xxx.
In caso di variazioni intervenute nel numero di iscritti, evento che si presenta generalmente all’inizio di ogni anno scolastico, il Comune, in sede di liquidazione, procederà alla rideterminazione del contributo sulla base delle variazioni intervenute nel corso dell’anno in relazione al numero di bambini iscritti; tale variazione viene determinata calcolando in dodicesimi il contributo spettante, sulla base delle modifiche numeriche intervenute e facendo la differenza in più od in meno con la somma spettante per quel periodo in assenza di modificazioni.
I contributi concedibili sono:
a) Contributo annuo fino ad un massimo di euro 750,00 (settecentocinquanta/00) per ogni bambino iscritto alla Scuola dell’Infanzia regolarmente residente a xxx.
Il contributo sarà liquidato, compatibilmente con la disponibilità di cassa del Comune, come segue:
• Con un acconto pari al 40% entro il 31 marzo;
• Con un acconto pari al 30% entro il 31 luglio;
• Il saldo pari al 30% entro il 30 novembre, sempre dello stesso anno"
Un tanto premesso nel mese di settembre 2018 il numero dei bambini iscritti e residenti - comunicati dalla scuola al comune - è stato pari a 61 (sessantuno) bambini.
Di conseguenza la Giunta Comunale nel 2019 ha concesso:
un primo acconto di euro 18.300 entro il 31 marzo pari al 40 per cento di 45.750 euro (45.750 = 61 bambini per 750 euro); un secondo acconto di euro 13.725 entro il 31 marzo pari al 30 per cento di 45.750 euro. Ora a saldo rimane, in base alla convenzione in essere, da erogare il saldo pari al 30 per cento.
Si chiede se il predetto saldo debba essere determinato sulla base dei bambini iscritti nell'anno 2018/2019 (N. 61) o sulla base del numero di bambini iscritti e residenti nell'anno 2019/2020, comunicati nel mese di settembre 2019 pari a 46?

Quesito del 05/12/2019

Titoli di studio richiesti per poter far parte di una commissione di gara

Ho necessità di sapere se, per appalti sopra i 150000 euro, ci sono vincoli sul livello del titolo di studio (diplomato o laureato) per la partecipazione ad una commissione di gara.

Quesito del 04/12/2019

Anticipo pagamento fatture

Questa Amministrazione ha affidato la gestione dei servizi sociali ad una società in house di cui la stessa è Ente capofila (fanno parte della Società circa 28 Comuni). Recentemente, la Società in questione ha posto un quesito a questo Ente in merito alla possibilità di anticipare il pagamento di 6 mesi delle fatture emesse da una Cooperativa che svolge alcuni servizi per la Società medesima. La motivazione di tale richiesta è dovuta al fatto che la suddetta Cooperativa deve effettuare un grosso intervento di ristrutturazione presso una casa di riposo, ubicata in un altro Comune. E’ chiaro che la Cooperativa in parola sarebbe disposta ad emettere, a garanzia di quanto sollecitato, una fidejussione escutibile a prima richiesta e di primaria compagnia assicuratrice. Dalla verifica effettuata all’interno del contesto territoriale, si è accertato che la domanda di una RSA sul territorio è elevata e la finalità sociale dell’intervento risulta essere indiscutibile per le Amministrazioni.
Si chiede pertanto se siffatta operazione, così come è stata concepita dalle parti, sia conforme alle disposizioni normative vigenti e alle regole di buona amministrazione.

Quesito del 28/11/2019

Trasmissione digitale certificati o estratti di stato civile

Sempre più frequentemente ci vengono richiesti Certificati o Estratti di Stato Civile a mezzo email (posta elettronica certificata e non). Noi scannerizziamo il certificato richiesto (firmato) e lo trasmettiamo avvisando che il documento originale si trova a disposizione, per ogni evenienza, presso lo sportello comunale. Vedo che comunque è una “linea” seguita praticamente da tutti i Comuni. Ma, questa prassi è corretta? Oppure sarebbe più corretto trasmettere i certificati in formato pdf firmato digitalmente?