Usa le linguette per muoverti velocemente tra gli uffici di Omnia!
Effettua una ricerca all'interno di quest'area scrivendo le parole chiave nella casella e facendo clic su "Cerca".
Con la ricerca avanzata è possibile filtrare con precisione i contenuti di questa sezione.
Attraverso le funzioni scadenzario e adempimenti, puoi salvare nel tuo quaderno le scadenze precaricate.
Con la navigazione integrata puoi copiare contenuti da Omnia e salvarli nel tuo adempimento.

Quesiti

10 risultati di 910

Guide operative, note d’approfondimento e scadenze insieme a un archivio personalizzabile di modulistica per aiutare l’ufficiale di stato civile e d’anagrafe e i funzionari addetti all’URP ad affrontare la complessità delle loro funzioni alla prova dei cambiamenti generali della società.

Quesito del 08/11/2022

Richiesta da parte di avvocato

Un avvocato ha inoltrato a questo Ufficio di Stato Civile la richiesta dell’estratto di nascita plurilingue di un cittadino nato nel 1856 “per motivi di cittadinanza”.
Facendo presente che i registri di stato civile di questo Comune sono stati ricostruiti dopo gli eventi bellici del 1940/45, a partire dall’anno 1860, le è stato risposto che era impossibile il rilascio di quanto richiesto.
La stessa telefonicamente ha precisato di aver allegato alla nota, una fotocopia dell’atto originale depositato presso l’archivio di stato e quindi il certificato si sarebbe potuto rilasciare in base alla fotocopia e che comunque, se non fosse stata sufficiente la fotocopia avrebbe richiesto una copia conforme dell’atto all’archivio di stato in modo che questo Ufficio avrebbe potuto rilasciare l’estratto desumendo i dati dalla copia.
Essendo certa dell’inesattezza di quanto sostenuto dall’avvocato, la sottoscritta chiede quale potrebbe essere la procedura da poter suggerire alla suddetta.

Quesito del 08/11/2022

Riconoscimento jure sanguinis

L'avo nato in Italia nel 1846 non risulta nei registri degli atti di nascita ma solo nei registri anagrafici e nel certificato di battesimo.
può essere sufficiente questa documentazione per procedere al riconoscimento jure sanguinis dei discendenti?

Quesito del 07/11/2022

Trascrizione atti formati all'estero

In seguito al riconoscimento della cittadinanza italiana di un cittadino indiano, si chiede se la documentazione prodotta si possa ritenere idonea alla trascrizione nei registri di nascita:
- trattasi di un certificato di nascita trasmesso via Pec (il cittadino non ha l'originale del documento) scritto in inglese con la relativa traduzione in italiano dove si legge "si certifica che i seguenti dati sono stati presi dal registro originale delle nascite del locale ufficio anagrafe, debitamente iscritti nel registro delle nascite del Municipio di... distretto... stato... " .
Non avendo l'originale ma essendo una pec trasmessa con la dicitura "compared with original" ed essendo un certificato di nascita e non un atto di nascita, occorre richiedere ulteriore documentazione al consolato per procedere alla trascrizione?

Quesito del 04/11/2022

Attestato di naturalizzazione

II Consolato Generale d’ltaIia in Caracas ha trasmesso a questo ufficio l’attestato di naturalizzazione di una cittadina nata in questo Comune, unitamente alla dichiarazione di volontà di riacquisto, resa presso il suddetto consolato, precisando che la stessa avrebbe stabilito entro un anno la residenza in questo Comune e che in seguito alia comunicazione di iscrizione in anagrafe, il Consolato avrebbe proceduto al successivo atto di accertamento previsto dall'art. 16 -comma 3- del Regolamento di esecuzione della legge n.91/1992.
Questo Ufficio ha trascritto nei registri degli atti di cittadinanza I 'accertamento del Sindaco relativo alla perdita della cittadinanza italiana e da una verifica in ANPR é stato riscontrato che l’interessata ha chiesto la residenza in un Comune limitrofo.
Si chiede, pertanto, se va apposta a margine dell'atto di nascita anche l'annotazione riguardo alla dichiarazione resa al Consolato (e quale formula adottare) e l’esito di accertamento da parte del Consolato a quale Comune dovrà essere inviato per la conseguente trascrizione

Quesito del 03/11/2022

Persona con amministratore di sostegno e donazione organi

Si è presentato presso il Comune, per il rinnovo della carta d'identità, un ragazzo che ha l'amministratore di sostegno.
Il ragazzo firma e si esprime positivamente sulla volontà della donazione degli organi.
Può validamente esprimere la sua volontà rispetto alla donazione degli organi? Si teme che poi questa sia inficiata e che l'amministratore possa, nell'eventualità che si verifichi in caso, trovare questa cosa irregolare. Eventualmente è il caso di far controfirmare la scelta anche dall'amministratore stesso?

Quesito del 03/11/2022

Decesso all'estero cittadino Francese residente in APR

E' pervenuta a questo Ufficio una richiesta di trascrizione dell'atto di decesso avvenuto in Francia di un cittadino francese iscritto nell' APR di questo Comune. Si chiede se il suddetto atto si può trascrivere o se bisogna procedere solo alla cancellazione per morte.

Quesito del 28/10/2022

Trascrizione atto morte di persona che ha perduto la cittadinanza italiana

Si richiede un parere circa la trascrizione di un atto di morte relativo ad una persona che ha perduto la cittadinanza italiana.
Il Consolato Generale d'Italia in Melbourne (Australia) ha inviato, per la trascrizione un atto di morte di una persona nata in questo Comune, ma che nel 1962 ha perduto la cittadinanza italiana per naturalizzazione australiana.
Non essendo più cittadino italiano, si chiede se il sottoscritto, deve comunque provvedere alla trascrizione dell'atto suddetto, oppure deve rifiutare la trascrizione.
Nel caso di rifiuto la richiesta di trascrizione, può essere presentata da un figlio del deceduto che invece ha mantenuto la cittadinanza italiana.
Se tale trascrizione è possibile, si può rilasciare tutta la certificazione, oppure solo la copia integrale dell'atto trascritto, trattandosi di cittadino straniero.

Quesito del 27/10/2022

Trascrizione atti di nascita figli minori beneficiari cittadinanza italiana non indicati in ordinanza

Si richiede un parere circa la trascrizione di una serie di atti di nascita legati ad riconoscimento giudiziale di cittadinanza italiana.
Un avvocato, che ha seguito la pratica presso il Tribunale Ordinario, ha trasmesso per la trascrizione l'Ordinanza del giudice, dove viene riconosciuto il possesso della cittadinanza italiana a 5 persone, il cui avo era nato nel nostro Comune.
Contestualmente in ossequio alla predetta ordinanza, ha chiesto anche la trascrizione degli atti di nascita e di matrimonio dei beneficiari indicanti in ordinanza.
Nella nota di trasmissione degli atti di cui sopra ha aggiunto la richiesta di trascrizione, anche per vari atti di nascita di figli minori (non indicati in ordinanza), di alcuni dei beneficiari.
Siamo obbligati a trascrivere anche gli atti dei figli minori, anche se non riportati in sentenza?
Oppure ci si deve limitare a trascrivere i soli atti dei beneficiari e poi una volta trascritti tali atti e perfezionata la loro iscrizione in AIRE, saranno gli stessi beneficiari a chiedere la trascrizione degli atti dei loro figli minori o tramite il Consolato oppure facendo richiesta direttamente al Comune?

Quesito del 27/10/2022

Straordinario elettorale

Come devono essere considerate le ore prestate la domenica dell'elezioni dalle ore 22 alle ore 4 del lunedì mattina?

Quesito del 26/10/2022

Carta d'Identità elettronica

A seguito di un decreto penale, un cittadino si è presentato agli sportelli comunali per l'apposizione del timbro "NON VALIDA PER L'ESPATRIO" sulla propria carta d'identità.
Il cittadino è però in possesso della carta d'identità elettronica pertanto, si ritiene che l'unica soluzione possibile sia quella di revocare la carta d'identità sul portale CIE e ritirarla.
Successivamente, emettere una nuova carta d'identità non valida per l'espatrio. E' corretto?