Usa le linguette per muoverti velocemente tra gli uffici di Omnia!
Effettua una ricerca all'interno di quest'area scrivendo le parole chiave nella casella e facendo clic su "Cerca".
Con la ricerca avanzata è possibile filtrare con precisione i contenuti di questa sezione.
Attraverso le funzioni scadenzario e adempimenti, puoi salvare nel tuo quaderno le scadenze precaricate.
Con la navigazione integrata puoi copiare contenuti da Omnia e salvarli nel tuo adempimento.

Quesiti

10 risultati di 678

Quesito del 17/07/2019

Variazione del fondo pluriennale vincolato

Questo Ente ha stanziato nell’esercizio 2019 in sede di bilancio di previsione 2019 - 2022 euro 240.000,00 finanziati con avanzo presunto (avanzo poi effettivamente accertato con l rendiconto) in un capitolo FPV per un’opera da fare nel 2020. Contestualmente nell’esercizio 2020 ha stanziato 240.000,00 euro nel capitolo FPV di entrata ck e nel correlativo capitolo di spesa in conto capitale. Ora essendo cambiata l’Amministrazione, questa opera non verrà fatta. Quali sono le operazioni corrette da fare per recuperare la disponibilità della somma, trattandosi di avanzo già destinato? E’ corretto se con variazione di bilancio elimino la somma stanziata nel capitolo FPV del 2019, facendola nuovamente confluire in avanzo di amministrazione destinato ad investimenti senza ridestinarla, al momento, ad alcuna opera, e contestualmente vario il bilancio 2020, riducendo di 240.000,00 sia il capitolo di spesa in conto capitale sia il capitolo di entrata FPV ck? Questa modifica del FPV del 2019 e del 2020 è corretta? Non si tratta di una semplice variazione di esigibilità, perché elimino la spesa sia nel 2019 che nel 2020, e vario il FPV di entrata in ck nel 2020. L’Fpv una volta determinato, come l’avanzo, non dovrebbe più essere possibile modificarlo se non con variazione di esigibilità, ma non è questo il caso, tuttavia l’operazione sopradescritta non varia gli equilibri.

Quesito del 17/07/2019

Rilevanza IVA servizio idrico esternalizzato

Con decorrenza 1/3/2018 la gestione del Servizio Idrico Integrato di questo Comune è stata esternalizzata ad una Società in House (partecipata per una percentuale di capitale non inferiore al 70% - soggetta a scissione dei pagamenti). Da tale data tutte le spese relative al servizio in questione sono in capo alla Società, anche quelle sostenute dallo scrivente che vengono annualmente chieste a rimborso. Si tratta di spese per utenze (fino alla voltura delle stesse), canoni demaniali (attraversamenti ferroviari e polizia idraulica) e rate mutui accesi dallo scrivente. Dalla data del subentro della Società in House nella gestione del Servizio Idrico Integrato, questo Ente non ha più portato in detrazione l’IVA sulle fatture acquisti per lavori, acquisti di beni e prestazioni di servizi relativi al servizio stesso. Praticamente non ha più trattato il servizio come attività commerciale, bensì come attività istituzionale versando regolarmente all’erario l’IVA sulle fatture acquisti, per conto del fornitore. Per il rimborso della somme dovute dalla Società, si chiede quale sia il corretto trattamento fiscale da applicare, considerato che la stessa Società chiede l’emissione di fattura da parte nostra. Il dubbio sorge in considerazione del fatto che lo scrivente ha già provveduto a versare all’erario l’IVA calcolata sulle fatture acquisti in quanto emesse in regime di scissione dei pagamenti e la loro rifatturazione alla Società comporterebbe l’insorgere di un nuovo debito per l’Ente per la stessa imposta.

Quesito del 15/07/2019

Destinazione entrata da eredità

Un signore ha lasciato in eredità una somma indicando genericamente come beneficiari "bambini bisognosi". Il tribunale ha stabilito con sentenza che, non potendosi individuare sul territorio un ente che avesse una finalità coerente con la volontà del testatore e data l'indeterminatezza del beneficiario, l'eredità venisse devoluta al Comune nel cui territorio il de cuius aveva domicilio (ex art. 630 c.c.). Il Comune è tenuto ad accettare l'eredità giacente pari all'importo di 290.000 euro. Abbiamo interpellato il Curatore il quale ci ha detto che la somma non è vincolata. 1) La si deve considerare: a. un'entrata in conto capitale, finalizzata a spese d'investimento (di difficile individuazione, stante la volontà - indeterminata - del de cuius); b. un'entrata non ricorrente, utilizzabile (pur con tutti i limiti e le valutazioni del caso) anche a finanziamento di spesa corrente e non necessariamente legata al sociale. 2) Quale sarebbe la corretta classificazione dell'entrata nel piano dei conti finanziario?

Quesito del 15/07/2019

Spese di investimento o trasferimenti in conto capitale

Questo ente fa parte di una convenzione per la gestione di un edificio scolastico, scuola media in comproprietà con altri due enti. L’anno prossimo sarà necessario intervenire con un grosso investimento sul tetto della scuola, ma nel caso in cui dovesse intervenire il comune capofila ripartendo la spesa tra gli altri due enti, la spesa a carico degli altri due enti, pur essendo di investimento su un bene in comproprietà dovrebbe essere classificata come trasferimento e quindi da finanziare con la parte corrente di bilancio. Oppure ciascun ente dovrebbe occuparsi direttamente di effettuare una parte degli investimenti facendo appalti a sé. È corretto?

Quesito del 09/07/2019

Fondo crediti di dubbia esigibilità per enti in dissesto

Riguardo all'elaborazione del fondo crediti di dubbia esigibilità, si chiede se per gli enti in dissesto sia prevista una disciplina specifica.

Quesito del 08/07/2019

Utilizzo avanzo di amministrazione libero

Nel corso del 2019 l'avanzo di amministrazione libero, può essere utilizzato per il finanziamento di spesa una tantum, tenuto conto che non ci dovrebbero essere più le precedenti normative del pareggio di Bilancio?

Quesito del 05/07/2019

Tassazione vendita terreno

Con la presente sono a porre un quesito in merito alla tassazione di un terreno di proprietà comunale, in caso di vendita Il terreno in questione è in area lottizzabile ed il Comune intende venderlo ai lottizzanti per la realizzazione del progetto. Al momento della vendita verrà tassata la plusvalenza determinata dal valore di vendita ridotto del valore iniziale di acquisto del terreno con aliquota del 20%? O il Comune in questo caso è soggetto a tassazione IRES del 24%? Ultima ipotesi il Comune può far redigere una perizia per il valore attuale del terreno e pagare l’imposta sostitutiva del 10%? (rientrando nella finestra del condono che scade il 30/6).

Quesito del 05/07/2019

Ribasso d'asta e contributi per messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale

Chiedo se è possibile utilizzare il ribasso d'asta di gara, contributo decreto 10.01.2019 in ottemperanza all'art. 1 commi 107-114 legge 145/2018 (legge di bilancio 2019)? Cioè questa Amministrazione ha effettuato la gara per messa in sicurezza strade, poi abbiamo effettuato una modifica di contratto del 15%. Chiedo se per la rimanente somma (oltre l’affidamento principale, il 15% di modifica di contratto), risparmiata fino all'esaurimento dei 100.000 euro, possiamo utilizzarla per un affidamento diretto?

Quesito del 03/07/2019

Donazione immobile

Un privato intende donare al Comune un immobile adiacente al palazzo comunale del valore commerciale di 130.000 euro a condizione che lo stesso venga usato a scopo sociale (centro anziani, ecc.). La transazione può essere effettuata con donazione gratuita? Oppure tramite vendita simbolica al valore di un euro? Inoltre cosa comporta per il venditore a livello di tasse?

Quesito del 03/07/2019

Contributi efficientamento energetico e sviluppo territoriale sostenibile

Chiedo in riferimento al contributo decreto crescita art. 30 comma 1 n. 34/2019: 1) c'è l'elenco dei comuni che hanno ricevuto il contributo oppure è automatico in riferimento al numero degli abitanti? 2) come deve essere rendicontato l'intervento su quale piattaforma internet?