Usa le linguette per muoverti velocemente tra gli uffici di Omnia!
Effettua una ricerca tra i contenuti di questo prodotto scrivendo le parole chiave e facendo clic su "Cerca".
Con la ricerca avanzata è possibile filtrare con precisione i contenuti di questa sezione.

Quesiti

10 risultati di 2740

Quesito del 09/08/2019

Tributi

Diritto di abitazione coniuge superstite

In data 25.4.2005 a seguito decesso del Sig. XY il coniuge superstite ed i due figli acquisiscono il diritto di proprietà pari ad un terzo ciascuno sull'abitazione adibita in precedenza a dimora coniugale. Contestualmente dalla data di apertura della successione la moglie vanta il diritto di abitazione per intero sul medesimo fabbricato (Art. 540 C.C.). In data 12.12.2018 la Signora, pur mantenendo la residenza nell'abitazione, con atto notarile effettua una donazione dell'abitazione a favore dei due figli che diventano proprietari dell'immobile nella misura del 50% ciascuno. Chiedo quindi, alla luce dei fatti sopra esposti, se i figli diventano con decorrenza 12.12.2018 soggetti passivi IMU per l'immobile di cui trattasi oppure, seppur in presenza di un atto di donazione rogato da un notaio, sullo stesso vale ancora l'originario il diritto di abitazione a favore della vedova.

Quesito del 09/08/2019

Affari generali

Gara di appalto mensa scolastica andata deserta

Questo comune ha bandito nello scorso mese di agosto procedura aperta per il servizio di mensa scolastica per il quadriennio 2019/2023. La gara è andata deserta, nessun operatore ha presentato offerta. L'amministrazione non voleva aumentare il costo del servizio del pasto a carico delle famiglie (attualmente di 3,20 euro dal 2013). I comuni limitrofi hanno bandito la gara e hanno avuto ciascuno tre offerte con un prezzo a base di gara di oltre 4,50 euro. Ora: dobbiamo ribandire la procedura e l'amministrazione non intende fare alcun aumento sul prezzo. Dal punto di vista tecnico ho fatto osservare che se la gara va nuovamente deserta è un problema in quanto non posso fare alcuna proroga tecnica alla ditta uscente. Ho proposto anche di aumentare il prezzo a base d'asta e di far sostenere la spesa al bilancio comunale senza influire sulle famiglie. Ma l'amministrazione è contraria: non vuole alcun tipo di aumento né per famiglie né per bilancio. Ritengo però che se l'amministrazione intende proseguire con la decisione di non aumentare minimamente i prezzi di mensa è necessario che approvino una direttiva o delibera ufficiale con cui mi danno questo indirizzo affinché ci sia ufficialmente una posizione dell'amministrazione in tal senso. Non si ritiene plausibile che una gara vada deserta perché l'amministrazione ha promesso che non farà mai aumenti di tariffe e costi. Oltretutto se il mercato non ha prodotto alcuna offerta vuol dire che il prezzo a base d'asta è fuori mercato. Chiedo il vostro punto di vista sulla questione e sulla procedura più utile possibile da seguire in questa situazione. Grazie.

Quesito del 09/08/2019

Ragioneria Tecnico LL. PP.

Obbligatorietà del CUP

Lavori di sostituzione generatore di calore scuola media per l'importo di € 71.000,00, trattasi di manutenzione straordinaria in affidamento diretto tramite MePA, quindi non spesa di investimento. A parere dello scrivente non sarebbe necessario CUP e progetto, pregasi confermare o meno l'orientamento.

Quesito del 09/08/2019

Personale

Concorso pubblico e accesso alle prove dei candidati

È possibile far accedere un candidato alle prove degli altri partecipanti al concorso al termine delle procedure di selezione per esami per l'assunzione di un agente di polizia locale? I verbali e la graduatoria finale di merito stilati dalla Commissione giudicatrice non sono ancora stati approvati dall'Amministrazione.

Quesito del 09/08/2019

Terreno edificabile e richiesta rivalutazione PRG

Un contribuente ha scritto al Comune chiedendo una revisione del piano regolatore nella prossima variante. Nella fattispecie il contribuente è proprietario di un terreno edificabile ricadente in un ambito destinato a piano attuativo e a compensazione. Il contribuente, data l'elevata potenzialità edificatoria del terreno, paga oltre 5.000 euro di IMU all'anno oltre ai 30.000 per la rivalutazione del terreno legati alla perizia giurata di stima, per un totale di 65.000 euro senza reali benefici. In realtà il terreno non risulta di fatto inalienabile per cui il predetto cittadino richiede di poter ridurne l’edificabilità e di consentire l'attuazione diretta di modo da poter recuperare parte delle somme versate. Ci sono sentenze e/o orientamenti che fanno riferimento a questo particolare tipo di fattispecie rappresentata? Sul piano urbanistico ci sono aspetti che andavano meglio considerati?

Quesito del 08/08/2019

Polizia

Termini per la notifica della cartella esattoriale

Con la presente siamo a richiedere i termini per la notifica di una cartella esattoriale/ruolo a seguito di violazione al codice della strada non pagato. Nello specifico la violazione è stata commessa in aprile 2013 e notificata per posta nel maggio 2013. Il 12/1/2017 è stato messo a ruolo e la cartella esattoriale/ingiunzione di pagamento è stata notificata in data 25/7/2017. Il dubbio è nato leggendo l'articolo 28 della Legge n. 689/1981 «il diritto a riscuotere le somme dovute (...) si prescrive nel termine di cinque anni dal giorno in cui è stata commessa la violazione» e l'articolo 36 del D.L. n. 248/2007 «il titolo deve essere notificato, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui l'accertamento è divenuto definitivo».

Quesito del 08/08/2019

Demografici

Scissione nucleo familiare

Due persone abitano nella stessa abitazione hanno lo stesso stato di famiglia dal 2014, in febbraio 2019 presentano la dichiarazione che non hanno nessun vincolo di matrimonio, parentela, ecc. per dividere la stato di famiglia e noi lo dividiamo. A luglio presentano la dichiarazione di reintegrare il nucleo familiare. Come debbo comportarmi?

Quesito del 07/08/2019

Personale

Maternità per dipendente dimissionaria

Una dipendente a tempo determinato che è cessata per dimissioni volontarie entro il 30/6/2019 ci ha chiesto se può chiedere all'INPS (ora è senza occupazione) il diritto al riconoscimento del pagamento della maternità in quanto è venuta a conoscenza di essere in gravidanza a fine del mese di luglio, e quindi successivamente alla data di cessazione del predetto rapporto di lavoro a tempo determinato. Ci sono norme e/o circolari vigenti che regolano la fattispecie descritta? La dipendente deve rivolgersi ad un patronato?

Quesito del 06/08/2019

Demografici

Annotazione matrimonio e atto di nascita formato giudizialmente

Un cittadino aveva fatto trascrivere il suo matrimonio, dopo l'ottenimento della cittadinanza. La sposa era indicata col solo cognome da nubile, mentre in Italia era anagrafata con cognome del marito, perché in quell'ordinamento si usa così. Però ho pensato "tutto ok, quando diventerà italiana anche la moglie le verrà ripristinato il cognome da nubile e tutto andrà a posto". In effetti questa era la prassi fino a qualche anno fa. Da qualche anno a questa parte però i decreti di cittadinanza vengo emessi quasi sempre col cognome ATTUALE della donna e non con quello da nubile. Abbiamo chiesto alla Prefettura, la quale dice che ora è la donna a scegliere con quali generalità venire indicata nel decreto e conseguentemente da ora in poi. Ordunque so che attualmente gli atti, in caso di cognome mutato per matrimonio, vengono trascritti con questa prassi: 1) Atto di nascita col cognome da nubile. 2) Atto di matrimonio col cognome da nubile + indicazione di quello dopo il matrimonio. 3) Annotazione del matrimonio, specificando la ricorrenza del cambio del cognome attestata nell'atto di matrimonio stesso. 4) Annotazione di cittadinanza col cognome risultante dal decreto (= quello da sposata). Come prima cosa chiedo se la prassi, in questi casi normali, è da considerarsi corretta o se andrebbe rettificata, e come. Nel caso "particolare" di specie però, la signora non aveva un atto di nascita dal suo paese, perciò ha provveduto alla formazione in Tribunale, il quale dice che in base alla documentazione presentata non poteva formarlo in altro modo che col cognome da sposata. Dunque dovrei annotare l'atto di nascita formato in tribunale della signora ROSSI (cognome da sposata) MARIA con l'annotazione di matrimonio relativa alla signora BIANCHI (cognome da nubile presente sull'atto di matrimonio) MARIA. Sull'atto di matrimonio non è presente il cognome da sposata. Come uscire da questa situazione? Come effettuare l'annotazione?

Quesito del 06/08/2019

Commercio

Apertura bed & breakfast (Regione Lombardia)

SCIA per avvio di nuova attività di bed and breakfast. L’ingresso e il vano scala è comune ai locali destinati ad abitazione, così come il corridoio, dal quale si accede sia alla camera da letto del b&b sia al bagno, sia allo spazio comune che agli altri locali dell’abitazione (2 camere da letto e una cucina). Esaminando il Regolamento della Regione Lombardia n. 7/ 16 non ho capito se il bagno e la cucina possano essere utilizzati sia dai residenti che dagli ospiti. L’attività è stata avviata contestualmente alla SCIA; ho 60 gg. di tempo per l’emissione di pareri in cui si chiede la sospensione dell’attività finché non ci sarà conformazione dei locali o emissione di parere negativo?