Usa le linguette per muoverti velocemente tra gli uffici di Omnia!
Effettua una ricerca all'interno di quest'area scrivendo le parole chiave nella casella e facendo clic su "Cerca".
Con la ricerca avanzata è possibile filtrare con precisione i contenuti di questa sezione.
Attraverso le funzioni scadenzario e adempimenti, puoi salvare nel tuo quaderno le scadenze precaricate.
Con la navigazione integrata puoi copiare contenuti da Omnia e salvarli nel tuo adempimento.

Quesiti

10 risultati di 588

Quesito del 19/09/2019

ANPR contributo ai comuni

Con la presente si chiede se il contributo erogato dal ministero per il subentro ad ANPR abbia una finalità specifica o se possa essere utilizzato per remunerare lo straordinario effettuato dal personale dell'ufficio, ivi compreso il responsabile (istruttore direttivo titolare di PO).

Quesito del 10/09/2019

Utilizzo graduatorie altri enti

È attualmente possibile procedere all'assunzione a tempo indeterminato attraverso l’utilizzo di graduatorie di altri enti?

Quesito del 09/09/2019

Incentivi funzioni tecniche - appalto Paternariato Pubblico Privato

Chiedo se il nostro Ufficio tecnico ha eseguito un appalto con paternariato pubblico/privato per la gestione illuminazione pubblica e dei lavori connessi, prima dell'emanazione di questa Deliberazione della Corte dei conti regione Lombardia (http://www.entionline.it/j17/PERS/2019_DelCCLomb311_Inc_tecn.pdf), può essere liquidato l'incentivo al RUP art. 113 d.lgs 50/2016?

Quesito del 06/09/2019

Ammissibilità domande non sottoscritte secondo le modalità del bando

Questo Ente ha bandito un concorso pubblico prevedendo tre distinte modalità di inoltro delle domande di partecipazione, ovvero: presentazione diretta all'ufficio protocollo, raccomandata, posta elettronica certificata. In relazione a quest'ultima modalità è stato richiesto l'utilizzo di una Pec intestata al candidato e anche la sottoscrizione nella forma digitale della relativa domanda (di seguito si riporta lo stralcio dell'avviso di selezione: <<- tramite posta elettronica certificata personale (a pena di esclusione) all’indirizzo di pec <> entro e non oltre detto termine. La domanda, in formato PDF, dovrà essere firmata digitalmente a pena di esclusione. Una parte dei candidati che ha scelto di presentare la domanda via Pec (più o meno il 15% delle domande complessivamente pervenute) non ha sottoscritto digitalmente la domanda e, qualcuno tra questi, ha fatto rilevare il contrasto della disposizione del bando con le pronunce giurisprudenziali sull'argomento, quali Tar Sicilia - Palermo Sez. 1, sentenza n. 167 del 18.1.2018. Ciò premesso, posto che: - l'inoltro via Pec non costituiva l'unica possibilità per i candidati; - la firma digitale era espressamente richiesta a pena di esclusione; - la domanda di partecipazione contiene espressamente la dichiarazione di accettazione incondizionata delle disposizioni del bando; - sono ormai decorsi 60 giorni dalla pubblicazione dell'avviso di selezione; si sta valutando di disporre l'esclusione dalla selezione dei candidati che nella domanda inoltrata via Pec hanno omesso la sottoscrizione nella forma richiesta. Si chiede se il provvedimento di esclusione, sulla base delle considerazioni sopra esposte, sia corretto.

Quesito del 04/09/2019

Indennità di servizio esterno vigili

Se un vigile che presta servizio esterno in via continuativa effettua 5 ore di servizio esterno su 6 della sua giornata (e 1 ora resta in ufficio), l'indennità giornaliera va corrisposta interamente o va riproporzionata alle 5 ore? (Nota ARAN 16239 del 9 ottobre 2018 punto c)

Quesito del 03/09/2019

Presentazione domanda di concorso

In ordine alle modalità di presentazione per la partecipazione ad un concorso, per l'invio via pec, sono corretti i seguenti riferimenti?: • Trasmissione della domanda via posta elettronica certificata all’indirizzo dell’Unione: ---------------------esclusivamente attraverso un indirizzo di posta elettronica certificata, avendo cura di precisare nell’oggetto: “Domanda di partecipazione al concorso pubblico per esami per la copertura di n. 1 posto di Istruttore Amministrativo, categoria C”. In questo caso farà fede la data e l’ora di arrivo al gestore di posta elettronica certificata dell’Unione (ricevuta di avvenuta consegna), questa informazione sarà inviata automaticamente alla casella di PEC del mittente, dal gestore di PEC. Tutti i documenti allegati (compreso il modulo della domanda) e inviati tramite PEC devono essere sottoscritti con firma digitale utilizzando un certificato di firma digitale in corso di validità, rilasciato da un organismo incluso nell’elenco pubblico dei certificatori tenuto dal CNIPA (previsto dall’art. 29 comma 1 del D. Lgs. 82/2005) generato mediante un dispositivo per la creazione di una firma sicura, ai sensi di quanto previsto dall’art. 38, comma 2, del DPR 445/2000 e dall’art. 65 del D. Lgs. 82/2005 e s.m.i.. I documenti così firmati elettronicamente dovranno essere prodotti in formato pdf non modificabile. Nel caso in cui il candidato non disponga della firma digitale come sopra definita, la domanda di partecipazione e tutti gli allegati dovranno risultare sottoscritti (firma in calce), acquisiti elettronicamente in formato PDF non modificabile e trasmessi come allegati. Si precisa che verranno accettate solo le domande inviate all’indirizzo di posta elettronica certificata dell’Ente – non saranno ritenute valide le istanze inviate ad altro indirizzo e-mail dell’Ente - nel rispetto delle modalità sopra precisate, pena l’esclusione. grazie

Quesito del 02/09/2019

Assoluzione in procedimento della Corte dei Conti e rimborso spese legali

Un dipendente a tempo indeterminato, sottoposto alcuni anni fa a procedimento della Corte dei Conti, è stato di recente assolto. La sentenza di assoluzione ancora non è stata notificata a questo ente. Il dipendente in parola ha richiesto il rimborso delle spese legali sostenute. Si chiede quali siano le procedure da seguire per verificare se il dipendente in questione ha diritto al rimborso delle spese legali.

Quesito del 31/08/2019

Dimissioni volontarie - Mancato preavviso

Il comma 4 dell'articolo 51 del CCNL Enti Locali prevede, con riferimento all'oggetto del presente quesito, quanto segue: "...per il rapporto di lavoro a tempo determinato il termine di preavviso è fissato in un giorno per ogni periodo di lavoro di 15 giorni contrattualmente stabilito e, comunque, non può superare i 30 giorni, nelle ipotesi di durata dello stesso superiore all’anno. In caso di dimissioni del dipendente, i termini sono ridotti alla metà, con arrotondamento all’unità superiore dell’eventuale frazione di unità derivante dal computo." Si chiede in merito cosa debba intendersi per riduzione alla metà dei termini in caso di dimissioni volontarie. 1) Si riducono alla metà i 15 giorni contrattualmente stabiliti? 2) Si riduce alla metà il termine fissato di un giorno per ogni 15 contrattualmente stabiliti? 3) Si riducono alla metà entrambi i termini che quindi diventerebbero 0,5 giorni ogni 7,5 giorni contrattualmente stabiliti, che sarebbero comunque equivalenti a 1 giorno ogni 15?

Quesito del 31/08/2019

Diritti di rogito al segretario comunale reggente a scavalco

Questo Comune di classe IV con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti ha un segretario comunale incaricato per la reggenza a scavalco di mese in mese che viene per fare Giunte e Consigli. Il predetto Segretario non ha funzioni di Responsabile di Servizio di alcun ufficio. Il predetto Segretario inoltre è titolare di una convenzione di Segreteria Comunale tra due Comuni (idi cui l Comune capofila ha popolazione superiore ai 30.000 abitanti con la presenza in servizio di dirigenti mentre l'altro Comune in convenzione non ha figure dirigenziali presenti). Premesso un tanto si chiede si possa corrispondere al Segretario predetto i diritti di rogito per la stipula presso questo Comune relativi ai contratti in forma pubblico-amministrativa. A completamento si precisa che questo Ente non ha figure a cui poter affidare le funzioni di Vice Segretario Comunale.

Quesito del 24/08/2019

Autorizzazione per apertura di un sito e di una pagina Facebook per servizi fiscali e previdenziali

Un dipendente a tempo indeterminato e pieno ha chiesto l'autorizzazione per esercitare servizi fiscali e previdenziali a favore di privati in forma occasionale tramite un sito internet e la propria pagina Facebook. L'amministrazione e il Segretario hanno espresso parere favorevole, previa verifica del rispetto dei necessari limiti delle norme in materia. Si chiede di sapere con quali modalità e vincoli possa essere autorizzata la fattispecie descritta.