Pronti i codici tributo per compensare le somme rimborsate ai percipienti | progettoomnia.it

Logo progettoomnia.it
 

Memoweb

Quotidiano informativo e documentale per la P.A. locale

 
Personale - Ragioneria -
memoweb n°29 del 12/02/2015

Pronti i codici tributo per compensare le somme rimborsate ai percipienti

I codici sono necessari ai sostituti d'imposta per compensare, tramite F24, le maggiori imposte versate e gli importi a credito risultanti dai prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi.

Sulla scia del "decreto semplificazioni" (Dlgs n. 175/2014) arrivano con la risoluzione Agenzia delle Entrate 10 febbraio 2015 n. 13/E, undici nuovi codici tributo destinati ai sostituti d’imposta.

I primi tre servono per compensare, tramite il modello F24, le somme rimborsate a dipendenti e pensionati sulla base dei prospetti di liquidazione delle dichiarazioni dei redditi e dei risultati contabili trasmessi da Caf e professionisti abilitati (in pratica, le somme a rimborso emergenti dai 730); i successivi cinque, invece, vanno utilizzati per recuperare, sempre con l’F24, le ritenute e le imposte sostitutive versate in eccedenza; infine, gli ultimi tre per compensare crediti riconosciuti dai sostituti stessi.

Le nuove modalità di recupero e i relativi codici tributo riguardano i sostituti d'imposta che si avvalgono del modello F24 Enti pubblici".

Le Entrate confermano che le nuove modalità di compensazione vanno applicate dal 1° gennaio 2015 con esclusione delle compensazioni riferite a operazioni di competenza dell'anno d'imposta 2014, per le quali rimangono valide le precedenti procedure.

 
Grafiche E. Gaspari - P.Iva 00089070403 - Tel. 051 763200 - E-mail: info@egaspari.net
preferiti Imposta ProgettoOmnia come Homepage