Perdita di chance da risarcire per l'impresa ingiustamente esclusa dalla gara | progettoomnia.it

Logo progettoomnia.it
 

Memoweb

Quotidiano informativo e documentale per la P.A. locale

 
Tecnico LL. PP - Segreteria -
memoweb n°88 del 07/05/2015

Perdita di chance da risarcire per l'impresa ingiustamente esclusa dalla gara

L'impresa ingiustamente privata dell'esecuzione di un appalto può rivendicare anche la perdita della specifica possibilità di incrementare il proprio avviamento per la parte relativa al curriculum professionale, da intendersi come immagine e prestigio, al di là dell'incremento degli specifici requisiti di qualificazione e di partecipazione alle gare.

Per un consolidato orientamento giurisprudenziale, non è ristorabile il danno per spese e costi di partecipazione alla gara, per le spese generali e legali e per le spese di progettazione. Ma va riconosciuto il diritto al «risarcimento del danno curriculare quale ulteriore profilo del lucro cessante in quanto la giurisprudenza ammette che tale voce di danno sia risarcibile, posto che il mancato arricchimento del curriculum professionale dell’impresa danneggiata dal provvedimento illegittimo pregiudica la sua capacità di competere nel mercato e diminuisce le chances di aggiudicarsi ulteriori affidamenti».

Il Consiglio di Stato, nella sentenza 10 aprile 2015 n. 1839, riconosce all'impresa esclusa ingiustificatamente esclusa dalla gara, il diritto di vedersi risarcita la perdita di chance: il danno curriculare, «una specificazione del danno per perdita di chance - spiegano i giudici -, si correla necessariamente alla qualità di impresa operante nel settore degli appalti pubblici a prescindere dal lucro che l'impresa stessa ne ricava grazie al corrispettivo pagato dalla stazione appaltante. Questa qualità imprenditoriale può ben essere fonte, per l'impresa, di un vantaggio economicamente valutabile, perché accresce la capacità di competere sul mercato e, quindi, la chance di aggiudicarsi ulteriori e futuri appalti di talché l'interesse alla vittoria di un appalto, nella vita di un operatore economico, va oltre l'interesse all'esecuzione dell'opera in sé e ai relativi ricavi diretti.
Alla mancata esecuzione di un'opera pubblica illegittimamente appaltata si ricollegano, infatti, indiretti nocumenti all'immagine della società, al suo radicamento nel mercato, all'ampliamento della qualità industriale o commerciale dell'azienda, al suo avviamento, per non dire, poi, della lesione al più generale interesse pubblico al rispetto della concorrenza, in conseguenza dell'indebito potenziamento di imprese concorrenti che operino sul medesimo target di mercato, in modo illegittimo dichiarate aggiudicatarie della gara».

 
Grafiche E. Gaspari - P.Iva 00089070403 - Tel. 051 763200 - E-mail: info@egaspari.net
preferiti Imposta ProgettoOmnia come Homepage